marea nera, spirito dell’acqua e “la storia infinita”

appena ho visto il disastro americano ho avuto un bruttissimo presentimento, e devo dire che dopo avere fatto alcune indagini (non chiedetemi come e dove, vi linko solo l’ultima in ordine di tempo, che per caso ho letto, clikka qui) , ho definitivamente allontanato ogni dubbio sulla causa del disastro: altrochè fortuita, dovuta ad imperizia , è un fatto voluto. UN DISASTRO ARCHITETTATO DALLE SOLITE MENTI OSCURE.

perchè direte voi? vediamolo con calma…

innanzitutto appena ho sentito della marea nera (termine coniato dai media non casualmente) mi è venuto subito in mente un film visto nella mia infanzia che mi destò grandi emozioni: la storia infinita. e a me quella marea nera mi è sembrata da subito come il “nulla che avanza” del film, contro cui tutti sono disperati e contro cui solo la fantasia e la purezza del bambino sognatore può qualcosa. il film è pieno di riferimenti simbolici incredibili, (cito a memoria) dal drago bianco alla saggia tartaruga ( in oriente il drago è simbolo per antonomasia della purezza dello spirito e della forza dello yang-tuono, mentre la tartaruga è l’essere che simboleggia lo spirito dell’acqua-yin, e infatti la tartaruga si presenta al fanciullo nelle paludi stagnanti).

il film è un potentissimo mantra simbolico che solo da “adulto” e dopo alcune letture sono riuscito a decodificare ( e magari molti di voi mi daranno altri spunti), ma già da bimbo il film mi risuonò dentro in modo incredibile…e lo stesso sconvolgimento interno ho avuto in questa rappresentazione del buio, dell’oscurità che è il disastro ambientale.

simboli nel film e simboli nella tragedia petrolifera che  risuonano entrambi fortissimo, in particolare nella tragedia americana abbiamo questi ingredienti: paradiso naturale-marea nera di morte-impotenza dell’uomo-distruzione della vita-non soluzione del disastro. questi sono i capisaldi del mantra oscuro che è tutt’ora in atto, continuamente nel mainstream globale. in ultimo le foto dei pellicani avvolti e soffocati dal petrolio sono quanto di più oscuro si possa immaginare.

ora rispondiamo all’ultima domanda, la più importante: perchè? perchè queste macchinazioni diaboliche? ovvio, direi: per infondere uno spettacolo di paura, disperazione, di nichilismo, di sconforto colpendo proprio il legame con la madre terra che ci ospita, simbolo per antonomasia di amore incondizionato. di più: per colpire l’archetipo di acqua-simbolo che ci avvolge e nutre già dai primi mesi di vita nel ventre materno. ecco il messaggio dei vampiri: “guardate, ignavi ometti, cosa facciamo all’acqua-il vostro simbolo di vita-l’orgine stessa della vostra vita ( liquido amniotico)-la linfa della vostra esistenza: la stupriamo, la violiamo, e voi non potete farci niente”.

e ora la risposta: poveracci disperati, ci volete fare paura? non abbiamo paura-voi avete paura- perchè sentite il tempo del giudizio arrivare, sentite il vostro potere venire meno. non state stuprando qualcosa di nostro, ma di anche vostro, solo che ancora non l’avete capito. e quando l’avrete capito allora piangerete tutte le lacrime che volete far piangere a noi. finchè non capirete che veniamo tutti dalla stessa fonte.

come sempre non cadiamo nella rete dell’inganno, della paura, dell’ignavia.

Advertisements

One Response

  1. molte cose alle volte accadono con una sincronicità notevole: la saga di LOST si chiude con i misteriosi superstiti del volo oceanic che lottano per difendere la fonte d’acqua e di luce della misteriosa isola.
    e adesso vediamo lo spirito dell’acqua così martirizzato dalla marea di morte.
    quanti simboli..quante connessioni

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: