prevenire è meglio che curare? sicuri?

febbre.jpg 

veramente il primo imperativo della medicina lo coniò ippocrate qualche millennio fa, PRIMUM NON NOCERE,  ma noi uomini moderni, chiaramente, lo abbiamo dimenticato, ma facciamo di meglio (direte voi). cosa? la prevenzione. sicuri che sia meglio?

la frase che dà il titolo a questo post l’avrete sentita talmente tanto che vi sarà entrata in testa in modo da non poter più essere cancellata. infatti molti penseranno: è un concetto giusto, perfetto, meraviglioso, l’input per la nuova medicina tecnologica e creata a pennello per un mondo in cui essere malati (anche di un brufoletto sulla fronte) è diventata un’ossessione malefica.

eppure sembra vero il contrario. la prevenzione non è la soluzione dei problemi, ma anzi la scusa con cui se ne creano di nuovi. Continue reading

Advertisements

la necessità del male nel disegno della vita

gal01.jpg

ripartiamo da qui: LA NECESSITA’ DEL MALE

partiamo dalla spiegazione di cosa è/come si è formata la vita: la Coscienza Unitaria e Originale che Tutto E’, decise di  “dividersi” in un numero infinito di subcoscienze. queste subcoscienze sono gli universi, le galassie, i pianeti e le infinite forme di vita che esistono ovunque ( e ben oltre di dove può arrivare il nostro limitato occhio).  questa divisione ha creato la polarità bene/male, maschio/femmina, luce/buio, yin/yang, alto/basso, vuoto/pieno in ogni distretto dell’universo.

cosa è l’evoluzione? un percorso che la vita ( dalla sua forma più semplice alla più complessa) fa per raggiungere sempre più consapevolezza. un fiume di vita che scorre. per acquisire consapevolezza l’esperienza materiale è fondamentale. e bisogna sperimentare ogni polarità, perchè esse ci fanno capire, acquisire conoscenza. l’unica cosa che non fa scorrere questo fiume di vita è la staticità, che è appunto impossibile visto il continuo rimbalzo di ogni cosa attraverso queste due polarità.
io penso che dobbiamo amare il male in quanto parte dell’UNO VITA che ci ha creato. dobbiamo ringraziarlo in quanto ci dà la possibilità di capire. ma questo non vuol dire che dobbiamo passivamente accettarlo. anzi, il combatterlo con i nostri pensieri/emozioni/azioni deve essere la NOSTRA UNICA VIA

riguardo questi miei pensieri vi riporto alcuni tratti del libro di bona “il palpito dell’uno” di cui già vi avevo parlato qualche post fa. come già dissi, credo nella autenticità del testo, un testo da cui scaturiscono considerazioni semplici, ma esplosive e che squarciano in modo definitivo (almeno per me) i dubbi sul male, sul “lato oscuro” e sul suo perchè.
“ora sulla terra, siamo nella più bassa densità e materialità che la nostra (nostra perchè siamo tutti parte dell’universo) coscienza possa avere” […]
“solo con l’amore puoi purificare ed elevare la tua consapevolezza e non sentirti come una parte egoica e sola, ma come un piccolo atomo pulsante dell’universo”[…]
“in questo percorso che è la vita abbiamo il dono del libero arbitrio…cosa è il libero arbitrio? è la libertà di perdersi nella non consapevolezza”[…]
e il diavolo? il lato oscuro? ognuno, nella sua bassa consapevolezza, nell’esercizio del suo libero arbitrio, può crearsi il suo inferno inferiore, che altro non è che una non-elevazione, una non-purificazione, un attaccamento vuoto e inutile alla materialità […]
e quindi anche la guerra, la malattia, la sofferenza, la solitudine lo stupro, l’abuso, la pedofilia?…sono cose utili ad imparare, ma bisogna partire dal concetto che non c’è divisione, siete tutti uniti tra di voi e con l’universo…solo la dimensione di vita in cui sei confinato te lo fa dimenticare.

quanti sono in questa terra vittime del proprio ego? in realtà LORO fanno leva proprio sul nostro ego per tenerci divisi.

cerchi nel grano, channeling e l’Uno

libri_angelo_bona_1192966741palpitone.jpg 

so bene come a molti di voi ( e giustamente) il channeling sia inviso. d’altra parte come non darvi torto? quanti cosidetti messaggeri che canalizzavano maestri hanno detto sciocchezze a profusione?

ma non stupitevi, perchè questo è uno dei LORO primi obbiettivi. confondere le acque per sputtanarli tutti. a me sembra ovvio come molti dei cosidetti channeling siano dei falsi, ben congeniati, ma falsi. come riconoscerli, quelli falsi? semplice! col cuore , con l’intuito e con un metodo ben più razionale: cioè quelli maggiormente pubblicizzati e strombazzati dai media sono ovviamente quelli meno autentici.

per questo vi propongo un channeling sulla cui autenticità non ho alcun dubbio, sia per conoscenze personali, sia per la bellezza ( e semplicità, due cose ormai perdute) del messaggio.
del messaggio intero del libro “il palpito dell’uno” di A.Bona, parlerò ( e parleremo) a lungo, tanto lo considero importante ed esplosivo data la sua semplicità. intanto il consiglio di leggerlo per metabolizzare i concetti molto puri insegnati. ma ora voglio estrapolare da questo libro 2 righe in cui si parla dei crop.

con questo post considero concluso il tema :”chi li fa?, perchè?, cosa c’è sotto?” a questi interrogativi, che arrovellano tanta gente, che sono il perno di trasmissioni ( sic!) eravamo già arrivati con semplici ragionamenti.
questo mi rende felice perchè le mie ipotesi erano corrette, e oltre a dare un minimo di soddisfazione al mio ego, mi dà gioia perchè prova come anche senza avere un maestro di luce che ci parla, ma con un pò di raziocinio semplice e umile si può arrivare a capire ogni cosa. come sempre le spiegazioni sono le più semplici e ovvie, è la nostra mente offuscata ( intendo di noi uomini sul pianeta terra) che non connette più e che si crea i problemi da sè.

e pazienza ai telebani dello scientismo alla piero angela, che mi scriveranno, mi derideranno, ma di loro dotti ho una grande com-passione, nel termine buddista della parola e se non capiscono che la loro visione della vita è limitata, spero che lo capiranno presto

“…i gamma ( entità a-temporale che vegliano sulla terra ) creano anche disegni sulla terra. i cerchi nel grano?
sì.
che cosa sono?
un mezzo di comunicazione per far percepire meglio l’amicizia che nutrono per le civiltà terrestri. tre anni fa sono scesi in un crop in inghilterra e sono stati attaccati.[…]
come producono i disegni?
il crop viene fatto con una microonda d’urto che smagnetizza e disintegra il cereale.crea una deformazione genetica nel grano. i disegni vengono prodotti con una specie di laser anche da lontanissime distanze. molti circles, però, non sono autentici, perchè esistono buffoni che li creano per smarrire la gente, facendoli poi risultare contraffatti al fine di sminuire gli insegnamenti delle Entità Guida. molti potenti della terra ( suppongo ciò che noi chiamiamo elitè) cavalcano basse vibrazioni egoistiche e si prendono gioco dell’Uno…”

a questo punto qualcuno si chiederà: cosa è, chi è l’Uno? ne vorrei parlare più avanti con calma.intanto leggetevi il libro, che merita.