l’occhio di dio

lo so che l’occhio più orrifico e che ci hanno inculcato nelle teste è quello di sauron ( dal film il signore degli anelli), un occhio di somiglianza rettile, e nel film tutte le volte che c’era il fotogramma dell’occhio partiva un suono lacerante e oscuro, come per imprimere molto bene nel nostro subconscio una associazione di paura e terrore.

ma guardando queste immagini ( sono nebulose dello spazio profondo) credo che vi vengano in mente sentimenti del tutto opposti.

a me sembra lo sguardo di DIO che ci guarda come un padre guarda i suoi figli imberbi e sciocchi mentre imparano era dopo era, evoluzione dopo evoluzione.

come vedete ( caro zret in primis) nessuno ci abbandona, ma il suo amore ci segue sempre. e aspetta che noi facciamo da soli le nostre scoperte …d’altra parte ci ha già dato tutto quello che ci serve e nulla più.

un grande grazie al blog di giovanni ceribella da cui sono tratte queste bellissime immagini

Advertisements

18 Responses

  1. Dio o il demiurgo? Non erravano forse gli gnostici, quando consideravano il Dio della Torah il demiurgo. Ogni domanda è possibile; la risposta si perde tra i gelidi, vuoti, inutili spazi cosmici.

    Ciao!

  2. Belle immagini. 🙂 Anche questa potrebbe piacerti, e’ la nebulosa Eskimo e a me pare proprio un occhio.

  3. grazie upuaut, l’ho subito caricata nel post. a presto!

  4. Ciao Parvatim. Dici che DIO non ci abbandona ma io ancora non so se ci sia Ciao

  5. Ops, noto ora che avevo cannato il link. Vabbe’, vedo che l’hai recuperato lo stesso. 🙂

  6. Sono appena arrivato in questo blog e trovato questo articolo non sono riuscito a resistere alla tentazione di commentarlo.
    Che dire, penso che l`occhio della Coscienza sia la chiave di tutto, il segreto dietro all`esistenza fenomenica.
    Spesso ho visioni di occhi che mi osservano durante la meditazione o durante esperienze psichedeliche. Questi occhi rappresentano le infinite coscienze dell`UNO che si osservano perche` sono come fratelli, anzi gemelli, anzi sono la finzione del molteplice che e` UNO. Non c`e` morale, non c`e` giudizio, ne` buono ne` sbagliato perche` tutto e` un`infinita espressione di noi stessi. Percio` non c`e` alcuna vergogna nell`essere nudi di fronte alla propria coscienza. Tutto quello che credevamo male e` stato necessario e infine donera` piu` gioia al ritrovarsi.
    Namaste`

  7. devo ammettere che in pochi giorni questo post ha sbancato ogni record del blog, è lettissimo!!!!!
    @timor: bellissimo commento. penso che ( ad esempio) l’occhio di horus fosse per gli egizi proprio un archetipo della coscienza unica dell’universo.
    pensa che alcuni amici mi hanno detto che in meditazione hanno avuto le tue stesse “visioni”. ma , direbbe il cicap, sono illusioni di menti non razionali.
    a presto

  8. Grazie per aver citato il mio blog! Mi sono accorto solo ora del link in entrata.

    Invece, la mia opinione è che non ci sia nessun Dio ad amarci, e la cosa mi appare abbastanza evidente guardando le immagini dei bambini africani denutriti…

    Tuttavia, spero di non iniziare una guerra con questo mio commento: io rispetto le idee degli altri e il mio intento non è certo quello di portare scompiglio!

    Ciao,
    Giovanni

  9. no giovanni, nessuna guerra. semplicemente sei dei nostri, cioè noi che crediamo che il MALE non sia la via. altri pensano che il MALE sia una via per la propria realizzazione, e la sofferenza è il risultato del male prodotto da queste menti.
    gli occhi che raffigurano le nebulose sono occhi dell’infinita coscienza che ha creato anche “i cattivi”, per cui bene e male non esistono, ma sono il sottoprodotto evolutivo dei suoi figli che ancora imparano…che da piccoli per diventare grandi devono sperimentare la vita in tutte le sue infinite forme.
    se avrai pazienza di seguire il blog, ne parlerò nel prox post. intanto grazie per le splendide immagini.ciao

  10. Il non essere purtroppo in qualche modo è.

    Ciao

  11. in risposta a Stefano: Dio non c’e’, Dio non esiste. Dio e’,sempre e’ stato e sempre sara’ (strana definizione il sempre per “chi” non ha tempo ne eta’). nessun bigottismo da parte mia Stefano, ma se cerchi Dio.. beh guarda dentro te, nel tuo piu’ profondo, dove la tua mente razionale non ha motivo di essere. ciao^^

  12. ehi, ragazzi, c’è qualcuno che ha linkato attivissimo come fonte informativa!
    dai, non ridete troppo…
    tina, forse è meglio che sia tu a documentarti…

  13. Attivissimo……..già il nome è tutto un programma!!!……eh,eh,eh….

  14. Perchè il vostro dio non volge il suo occhio all’africa e ai bimbi che mangiano lacrime e fango? oppure alle infanzie Trucidate dale bombe? Io sono un dannato,e “dio” non mi deve nulla. Le parole che di solito pronuncia un cristiano a queste parole di solito sono “saranno beati e accolti in paradiso”…Andate a dirlo a quei piccoli ai quali il “pseudo-dio” ha regalato solo lacrime amare e dolore….

  15. carissimo “senza dio” stai parlando del dio cattolico! che è ciò di più lontano dal vero che possa esistere.
    il dio che intendo è un’altra cosa.
    e ti sembrerà strano, ma il male è un elemento della vita, e un prodotto di coscienze malate ( che anch’esse sono parte di dio)
    potrà sembrarti folle, ma se vuoi approfondire:
    https://parvatim.wordpress.com/2007/11/29/lanecessita-del-male/

  16. Bellissima immagine..Ma Dio è Spirito..e il suo occhio è dappertutto, in questa nebulosa o nel palmo delle mie mani, nel sorriso di un bimbo, nel piamnto di un padre..in una ragazza che muore-perché ella viva!- e nela nostra anima. L’universo, le nebulose, sono dei segni tangibili di qualcosa che per essere vistaa.si deve diventare intangibili..lo spirito guarda lo Spirito e viceversa….nessun dogma o confessione dietro a queste mie parole. No, è naturale che se Dio esiste, egli è….”Non crediate che il Paradiso sia soltanto in Cielo…è nella vostra casa, in un fiore che sboccia, nel palmo della vostra mano…non importa dove..”-da “LE CHIAVI DEL REGNO” di Cronin”. Si, ANCHE QUESTA NEBULOSA E’.. occhio di Dio. Anche.
    Marghian

  17. Se Dio fosse una nebulosa celeste non sarebbe Dio; se Dio fosse il nostro corpo non sarebbe Dio; e se Dio fosse la Madre Terra non sarebbe Dio; e se Dio fosse il nnostro pensiero, non sarebbe Dio. E neppure se Dio fosse l’universo tutto..non sarebbe Dio, perché…tutto questo è comprensibliedalla mente unmana, e perché tutto questo, per quanto grande, ha un limite ed una fine. Mentre Dio, per essere tale, è infinito, e percio’…Esso è tutto oltre ogni suo aspetto.persino l’amore sublime non è Dio, perché Egli è anche scienza, giustizia e tutto cio’ che è al di sopra della nostra vita e dela nostra mente…Dio non puo’ essere definito perché è….Dio. Qualora noi lo immaginassimo nel modo piu’ perfetto e dicessimo..E’ lui, lo abbiamo compreso e conosciuto..cesserebbe di essere Dio perché..non puo’ essere rivelato. Rivelarlo sarebbe “decrearlo” e limitarlo, mentre vivere cercando la Sua verità pur non conoscendola, è..crescere, e cosi’ lo facciamo crescere in noi, tendendo alla perfezione..senza peraltro mai raggiungerla.affinché mai il nostro cammino si arresti ma continui, nella vita ed oltre la vita stessa. Siamo a sua immagine e questa immagine deve essere sempre “aggiornata”..perché l’uomo diventi migliore. Per questo Dio non si rivela…cesseremmo di vvere. E di carcare.
    Marghian

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: